Skip to main content

XEN

Progetto Archivio S.r.l. sin dalla comparsa nel panorama del mondo GNU/Linux di Xen ha pesantemente lavorato con questa tecnica di paravirtualizzazione.

 

L'esperienza accumulata nel tempo ha reso questo metodo di virtualizzazione il più in uso in piattaforma e il più in uso anche presso i clienti.

 

Cosa è XEN?

Xen in ambiente GNU/Linux è un sistema di paravirtualizzazione nato e sviluppato in modo aperto e parallelamente anche in ambito commerciale.

 

La paravirtualizzazione è caratterizzata da un funzionamento più semplice rispetto alla virtualizzazione o piena virtualizzazione. Nel caso di XEN il dom0 ha il compito di creare l'infrastruttura per i domu (ospiti) che girano al suo interno grazie ad un apposito kernel.

 

Non esiste, come nella virtualizzazione completa, una totale emulazione dell'hardware, si crea una sorta di interfaccia tra i vari kernel delle macchine ospitate e il kernel che è fisicamente appoggiato alla macchina.

 

Il risultato è un ambiente generalmente meno complesso, un minor sovraccarico nella gestione delle periferiche (soprattutto disco e rete) e un buon livello di isolamento tra le macchine.

 

Le prestazioni che raggiungiamo con Xen sono state avvicinate (non superate) ultimamente da VMWare e Kvm solo a seguito di faticose ottimizzazioni, e restano di primo livello.

 

Purtroppo le vicissitudini di XEN (passaggi di proprietà della casa madre e qualche attrito con la comunità) hanno congelato le versioni stabili, che sono diventate oramai un po' datate.

 

L'ambiente è comunque molto performante ed ampiamente testato, la non necessità delle estensioni per la virtualizzazione rende XEN utilizzabile su host che sarebbero "indigesti" a KVM o ai nuovi VMWARE.

 

Per contro l'ultima versione stabile di kernel che utilizziamo è la 2.6.18 che faceva parte della distribuzione debian etch, l'hardware non supportato dalla 2.6.18 quasi certamente è utilizzabile con Kvm per cui quest'ultima è diventata la tecnologia "libera" a cui dedicheremo la maggior attenzione in futuro.

 

Attualmente vengono supportate quasi tutte le versioni di GNU/Linux compatibili con il kernel 2.6.18.